+39 328 4964 222 siliolimiti@gmail.com

L’amore rende stupidi?

Gen 30, 2017 | Ricerca

Lo dice la scienza, gli innamorati hanno meno cervello. È tutto vero, ma non bisogna temere: c’è una semplice spiegazione.

 

1 Con la testa tra le nuvole

Il vocabolario riporta “l’amore è il Sentimento di viva affezione verso una persona, che si manifesta come desiderio di procurare il suo bene e di ricercarne la compagnia” [vedi la definizione completa sul dizionario Treccani].
Si faccia avanti chi non si è mai sentito così.
Connotato importante dell’amore è la sua forza conturbante, il suo potere immenso di portare altrove i pensieri: con la testa fra le nuvole, l’innamorato, si perde nei sogni e nella fantasia. Ammettiamolo, a tutti è capitato di sentirsi stupidamente innamorati.
E non c’è da stupirsi se Paul Valéry, poeta francese di fine ‘800, scriveva senza lasciar dubbio in questo senso: “L’amore consiste nell’essere cretini insieme”.

 

2 Gli innamorati hanno meno cervello

Il gruppo di ricerca giapponese guidato da Hiroaki Kawamichi ha fatto una scoperta apparentemente molto allarmante. Nello studio pubblicato su Frontiers in Psychology a fine 2016 i ricercatori spiegano che chi è innamorato risulta anche significativamente più felice di chi invece non ha una relazione romantica in atto. E fin qui nulla si strano, ma le scoperte non finiscono qui. Infatti a seguito di un indagine VBM*, tecnica di neuroimaging che consiste nell’analisi dell’anatomia cerebrale per calcolarne il volume, è emerso che gli innamorati hanno anche una riduzione della densità della materia grigia in una zona specifica del cervello. In poche parole hanno meno materia grigia!

* dall’inglese voxel based morphometry [morfometria basata sui voxel]

 

3 Il sistema di ricompensa

Il corpo striato è una zona del cervello situata sotto la corteccia cerebrale, praticamente al centro della testa. Questo nucleo gestisce parte del processo di pianificazione e coordinamento delle funzioni esecutive ed è inoltre fondamentale nei processi che coinvolgono i sistemi di ricompensa. [Vedi l’immagine in 3D da Wikipedia] Ed è proprio la regione dorsale destra del nucleo striato che è risultata più piccola nei soggetti innamorati. Dunque l’innamoramento, oltre a modulare il comportamento sociale, sembra implicato nella modulazione del sistema di ricompensa anche a livello neurale.
La spiegazione è semplice: chi è innamorato ha meno bisogno di gratificazione sociale. E forse questo è un modo che ha la natura di farci sentire speciali quando siamo innamorati. L’amore è un legame forte che protegge la specie e la fa riprodurre. Ma per fortuna gran parte del resto, rimane ancora un meraviglioso mistero.

 

Fonti

Front Psychol. 2016 Nov 14;7:1763. eCollection 2016.
Being in a Romantic Relationship Is Associated with Reduced Gray Matter Density in Striatum and Increased Subjective Happiness.
Kawamichi H, Sugawara SK, Hamano YH, Makita K, Matsunaga M, Tanabe HC, Ogino Y, Saito S, Sadato N.